news

HOME > NEWS

2
30/04/2013   13  Secondaria 1° grado - BES   14  Secondaria 2° grado   10  Secondaria 1° grado   9  Primaria   1  Primaria - BES   20  Secondaria 2° grado - BES  

Che cosa sono i DSA: Disturbo specifico di Apprendimento?

01/01/2012 (FACOLTATIVA)

La presenza nella scuola di alunni con DSA è ormai un’esperienza comune a tutti i docenti, così urgente che il MIUR ha emanato una legge e un successivo decreto con le relative linee guida (1)  proprio per dare indicazioni metodologiche adeguate ad ogni livello del percorso scolastico.
Oltre ad avere a che fare con le caratteristiche specifiche dei DSA (dislessia, disgrafia, disortografia e discalculia, spesso abbinate a disprassia e disnomia), con le relative ricadute sulle prestazioni strettamente scolastiche e le possibili conseguenze psicologiche (mancanza di autostima e tenacia, ansia, paura del confronto), gli insegnanti spesso si trovano a gestire alunni lenti, disordinati, distratti, con difficoltà di concentrazione e organizzazione del lavoro, insicuri. 
Il lavoro con loro risulta appesantito; infatti quotidianamente devono essere richiamati perché non sanno usare adeguatamente il diario, dimenticano compiti e materiale, hanno quaderni inaffidabili e incompleti, perdono tempo e, pur mostrando risorse a volte sorprendenti, hanno spesso esiti deludenti.
Anche nelle ore di attività laboratoriali facilmente si perdono, usano male righe e squadre, non distinguono le note sul rigo musicale, sono poco orientati sul campo da gioco…
A volte sorge il dubbio che, essendo ragazzi evidentemente intelligenti, sia solo questione di mancanza di volontà! Quindi i DSA interessano, pur con modalità differenti, tutte le discipline e vanno affrontati da tutti i componenti del consiglio di classe. Non solo, ma dall’osservazione attenta di tutti i docenti può sorgere la domanda se, in alunni non certificati, possa sussistere il dubbio della presenza di DSA, e perciò valga la pena di segnalarlo alla famiglia per un’indagine specialistica.
Dalla legge (2) e da quanto detto sopra risulta che i DSA sono una difficoltà strumentale e non cognitiva; quindi, la principale risorsa dei ragazzi con DSA è la loro capacità di ragionamento.
Quale deve essere allora l’obiettivo principale di ogni docente? Liberare il proprio alunno dalla zavorra dei DSA perché possa esprimere in pieno le proprie possibilità (nascoste, ma sicuramente presenti), rendendolo protagonista consapevole del proprio apprendimento perché nel tempo possa sviluppare autonomamente delle strategie efficaci di compensazione.
Per impostare un percorso adeguato, è necessario tenere presenti innanzitutto gli attori, alunno e docente, e utilizzare un metodo coerente in tutti i passaggi del lavoro. (…)  

Maria Rosa Bianchi, Graziella Nascimbene
Da Scuola e Didattica n. 2 Ottobre 2012






1

Editrice La Scuola © Tutti i diritti riservati

Informativa sui Cookie*

A-Definizioni
La maggior parte dei siti utilizzano "cookie", vale a dire piccoli file di testo memorizzati sul dispositivo, che permettono di operare sul sito e di raccogliere informazioni riguardanti l'attività online.  Il testo all'interno di un cookie spesso prevede una stringa di numeri e lettere che identificano univocamente il computer dell'utente, ma possono anche contenere altre informazioni.
Per default quasi tutti i browser web sono impostati per accettare automaticamente i cookie.
L’articolo 5, paragrafo 3 della direttiva 2002/58/CE**, come modificato dalla direttiva 2009/136/CE, prevede l’esenzione dei cookie dall’obbligo del consenso informato se soddisfano uno dei criteri seguenti:
Criterio A: il cookie è utilizzato “al solo fine di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica”.
Criterio B: il cookie è “strettamente necessari[o] al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio”.

I cookie sono spesso classificati in base alle loro caratteristiche:
1) “cookie di sessione” o “cookie persistenti”;
2) “cookie di terzi”.
Un “cookie di sessione” è un cookie che viene cancellato automaticamente alla chiusura del browser, mentre un “cookie persistente” è un cookie che rimane archiviato nell’apparecchiatura terminale dell’utente fino alla scadenza prestabilita (che può corrispondere a minuti, giorni o più anni nel futuro).
I siti La Scuola utilizzano cookies di terze parti legate al solo monitoraggio del traffico e cookie di sessione unicamente per i servizi erogati a docenti e studenti in relazione ai contenuti scolastici per consentire il riconoscimento degli accessi realmente autorizzati.
Per approfondimenti rimandiamo alla citata direttiva CE**.

B-Controlli del browser per bloccare o cancellare i cookie.
La maggior parte dei browser accetta automaticamente i cookie, ma permette di modificare le impostazioni del browser per bloccare i cookie. 
Se si accettano i cookie, è possibile eliminarli successivamente.  Le istruzioni per eliminare i cookie in altri browser sono disponibili in ogni informativa sulla privacy del browser.
Se si cancellano i cookie, le impostazioni e preferenze da questi controllati, comprese le preferenze pubblicitarie, verranno cancellate e potrebbe essere necessario ricrearle.
Alcuni nuovi browser hanno poi introdotto la funzionalità DNT. Molte di queste funzionalità, se attivate, inviano un segnale o una preferenza ai siti Web visitati indicando che non si vuole essere tracciati.

C-Controlli per la cancellazione dai messaggi pubblicitari.
Dato che i cookie possono essere utilizzati per diversi motivi, gli utenti che non vogliono ricevere messaggi pubblicitari mirati a livello comportamentale possono scegliere di accettare i cookie, ma di annullarne un particolare utilizzo. Le società pubblicitarie online hanno sviluppato linee guida e programmi per facilitare la protezione della privacy degli utenti, in cui sono incluse pagine Web che possono essere visitate per rifiutare esplicitamente la ricezione di annunci pubblicitari mirati da tutte le società partecipanti. Queste pagine includono:

  1. Assistenza Consumatori Digital Advertising Alliance (DAA): http://www.aboutads.info/choices/
  2. Pagina di cancellazione Network Advertising Initiative (NAI):http://www.networkadvertising.org/managing/opt_out.asp
  3. In Europa, è anche possibile visitare Your Online Choices: http://www.youronlinechoices.com/

D-Controlli di analisi terze parti.
Come descritto di seguito in dettaglio, molti siti Web e servizi online di e altre compagnie, utilizzano servizi di analisi terze parti con cookie e Web beacon per compilare statistiche aggregate relative all'efficacia delle campagne promozionali o ad altre operazioni del sito Web.  È possibile rifiutare la raccolta o l'utilizzo dei dati da parte dei provider di analisi facendo clic sui seguenti collegamenti:

  1. Omniture (Adobe): http://www.d1.sc.omtrdc.net/optout.html
  2. Nielsen: http://www.nielsen-online.com/corp.jsp?section=leg_prs&nav=1#Optoutchoices
  3. Coremetrics: http://www.coremetrics.com/company/privacy.php#optout
  4. Visible Measures: http://corp.visiblemeasures.com/viewer-settings
  5. Google Analytics: http://tools.google.com/dlpage/gaoptout (richiede l'installazione di un componente aggiuntivo del browser).

______________________
* Provvedimento del Garante per la Privacy dell’8 maggio 2014, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 dello scorso 3 giugno http://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/3118884

**vedi: http://ec.europa.eu/justice/data-protection/article-29/documentation/opinion-recommendation/files/2012/wp194_it.pdf#h2-8).