news

HOME > NEWS

9
02/04/2013   9  Primaria  

"Cittadinanza e Costituzione": insegnamento obsoleto?

01/01/2012 (FACOLTATIVA)

Evidentemente questo insieme di valori si è venuto modificando nei 150 anni di storia del nostro Paese, fino a trovare un riferimento fondante nella Costituzione repubblicana del 1948 e nell’insieme di principi di convivenza democratica ad essa connessi.

L’area di insegnamento “Cittadinanza e Costituzione” ha inteso recuperare tale patrimonio valoriale assumendolo come riferimento per qualificare la formazione scolastica: con il primo termine si voleva indicare “la capacità di sentirsi cittadini attivi, che esercitano diritti inviolabili e rispettano i doveri inderogabili della società di cui fanno parte” e con il secondo riferirsi al “documento fondamentale della nostra democrazia da cui trarre una mappa di valori utile per esercitare la cittadinanza a tutti i livelli”. Da qui l’analogia con l’anniversario dell’Unità d’Italia, il quale, dietro la retorica di facciata e il profluvio di iniziative e celebrazioni di cui siamo inondati in queste settimane, è stato teatro di aspri scontri politici ed ideologici, culminati nel deprimente balletto su “festività sì/festività no” a cui abbiamo assistito nei mesi scorsi. Balletto che ha rappresentato la cartina di tornasole, più chiara di tante parole, dell’ambivalenza con cui il nostro Paese ha vissuto questo anniversario e delle forti tensioni che indeboliscono l’identità nazionale e il comune riconoscimento in valori condivisi. C’è voluto Benigni, ovvero un comico, per far commuovere gli italiani di fronte al proprio inno nazionale...

Cittadinanza e Costituzione rischia di fare la fine del centocinquantesimo anniversario, ovvero diventare un’espressione vuota di significato e riempita solo di affermazioni retoriche?

Il dubbio deriva dal constatare la distanza siderale che separa lo spazio semantico evocato da Cittadinanza e Costituzione e il triste spettacolo a cui assistiamo giornalmente di scempio delle nostre istituzioni democratiche e dei valori della convivenza civile: violazioni dei principi costituzionali di uguaglianza dei cittadini di fronte alla legge e di rispetto delle regole democratiche, lotta aperta tra magistratura e governo o tra governo e Parlamento, spinte secessioniste e prevalere di interessi localistici tra loro contrapposti. E la scuola, come può predicare valori costituzionali e di cittadinanza in un contesto sociale e politico di questo genere?

È questa la contraddizione fondamentale che si vuole mettere in evidenza: la scuola pubblica non ha la forza di rappresentare un insieme di valori diversi ed antagonisti rispetto a quelli espressi dal contesto politico e sociale che l’ha istituita.

Con quale faccia un insegnante può parlare di convivenza democratica e principi costituzionali? Quali esempi può richiamare della nostra attualità politica? Come possono le sue parole non suonare retoriche e “vecchie” di fronte al nuovo che avanza? Chiunque si occupi di formazione conosce il valore educativo della testimonianza, soprattutto quando sono in gioco valori e comportamenti morali o sociali: non sono le parole, ma i comportamenti che parlano in questo campo. Anzi, se ci troviamo di fronte a messaggi contraddetti dalle azioni concrete l’effetto boomerang è assicurato, oltre alla perdita di qualsiasi credibilità.

In che modo un insegnante può richiamare un principio di uguaglianza e di responsabilità personale nei confronti dei propri allievi, colpevoli di aver infranto regole scolastiche, o di cittadini che passano con il rosso al semaforo o non pagano le tasse?

In questo contesto credo sia necessario restituire al mittente la parabola sulla Cittadinanza e Costituzione, per non correre il rischio di trovare qualche docente che si esima dall’insegnare - e ancor più valutare - Cittadinanza e Costituzione giustificando nei registri e nei documenti ufficiali la propria omissione in questi termini: “Non ci sono attualmente nel nostro Paese le condizioni per dare seguito a questo insegnamento!”.






1

Editrice La Scuola © Tutti i diritti riservati

Informativa sui Cookie*

A-Definizioni
La maggior parte dei siti utilizzano "cookie", vale a dire piccoli file di testo memorizzati sul dispositivo, che permettono di operare sul sito e di raccogliere informazioni riguardanti l'attività online.  Il testo all'interno di un cookie spesso prevede una stringa di numeri e lettere che identificano univocamente il computer dell'utente, ma possono anche contenere altre informazioni.
Per default quasi tutti i browser web sono impostati per accettare automaticamente i cookie.
L’articolo 5, paragrafo 3 della direttiva 2002/58/CE**, come modificato dalla direttiva 2009/136/CE, prevede l’esenzione dei cookie dall’obbligo del consenso informato se soddisfano uno dei criteri seguenti:
Criterio A: il cookie è utilizzato “al solo fine di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica”.
Criterio B: il cookie è “strettamente necessari[o] al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio”.

I cookie sono spesso classificati in base alle loro caratteristiche:
1) “cookie di sessione” o “cookie persistenti”;
2) “cookie di terzi”.
Un “cookie di sessione” è un cookie che viene cancellato automaticamente alla chiusura del browser, mentre un “cookie persistente” è un cookie che rimane archiviato nell’apparecchiatura terminale dell’utente fino alla scadenza prestabilita (che può corrispondere a minuti, giorni o più anni nel futuro).
I siti La Scuola utilizzano cookies di terze parti legate al solo monitoraggio del traffico e cookie di sessione unicamente per i servizi erogati a docenti e studenti in relazione ai contenuti scolastici per consentire il riconoscimento degli accessi realmente autorizzati.
Per approfondimenti rimandiamo alla citata direttiva CE**.

B-Controlli del browser per bloccare o cancellare i cookie.
La maggior parte dei browser accetta automaticamente i cookie, ma permette di modificare le impostazioni del browser per bloccare i cookie. 
Se si accettano i cookie, è possibile eliminarli successivamente.  Le istruzioni per eliminare i cookie in altri browser sono disponibili in ogni informativa sulla privacy del browser.
Se si cancellano i cookie, le impostazioni e preferenze da questi controllati, comprese le preferenze pubblicitarie, verranno cancellate e potrebbe essere necessario ricrearle.
Alcuni nuovi browser hanno poi introdotto la funzionalità DNT. Molte di queste funzionalità, se attivate, inviano un segnale o una preferenza ai siti Web visitati indicando che non si vuole essere tracciati.

C-Controlli per la cancellazione dai messaggi pubblicitari.
Dato che i cookie possono essere utilizzati per diversi motivi, gli utenti che non vogliono ricevere messaggi pubblicitari mirati a livello comportamentale possono scegliere di accettare i cookie, ma di annullarne un particolare utilizzo. Le società pubblicitarie online hanno sviluppato linee guida e programmi per facilitare la protezione della privacy degli utenti, in cui sono incluse pagine Web che possono essere visitate per rifiutare esplicitamente la ricezione di annunci pubblicitari mirati da tutte le società partecipanti. Queste pagine includono:

  1. Assistenza Consumatori Digital Advertising Alliance (DAA): http://www.aboutads.info/choices/
  2. Pagina di cancellazione Network Advertising Initiative (NAI):http://www.networkadvertising.org/managing/opt_out.asp
  3. In Europa, è anche possibile visitare Your Online Choices: http://www.youronlinechoices.com/

D-Controlli di analisi terze parti.
Come descritto di seguito in dettaglio, molti siti Web e servizi online di e altre compagnie, utilizzano servizi di analisi terze parti con cookie e Web beacon per compilare statistiche aggregate relative all'efficacia delle campagne promozionali o ad altre operazioni del sito Web.  È possibile rifiutare la raccolta o l'utilizzo dei dati da parte dei provider di analisi facendo clic sui seguenti collegamenti:

  1. Omniture (Adobe): http://www.d1.sc.omtrdc.net/optout.html
  2. Nielsen: http://www.nielsen-online.com/corp.jsp?section=leg_prs&nav=1#Optoutchoices
  3. Coremetrics: http://www.coremetrics.com/company/privacy.php#optout
  4. Visible Measures: http://corp.visiblemeasures.com/viewer-settings
  5. Google Analytics: http://tools.google.com/dlpage/gaoptout (richiede l'installazione di un componente aggiuntivo del browser).

______________________
* Provvedimento del Garante per la Privacy dell’8 maggio 2014, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 dello scorso 3 giugno http://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/3118884

**vedi: http://ec.europa.eu/justice/data-protection/article-29/documentation/opinion-recommendation/files/2012/wp194_it.pdf#h2-8).