news

HOME > NEWS

17
24/04/2013   5  Primaria - News mondo scuola   9  Primaria  

La Progettazione didattica

01/01/2012 (FACOLTATIVA)

Una progettazione è molto di più di una lista di obiettivi e di un elenco di contenuti: prima di ogni altra cosa, comunica l’idea di scuola che ci si impegna a costruire e il valore che si intende dare alla persona che apprende.
La progettazione didattica rappresenta forse l’azione culturalmente più impegnativa che una comunità scolastica è chiamata a realizzare.
Un tempo tale compito consisteva principalmente nella traduzione in aula del dettato dei Programmi nazionali. C’era modo e modo di intendere tale traduzione, da quello meramente applicativo a quello intelligentemente interpretativo, in ogni caso la “fedeltà’” al testo programmatico era vincolante.
Dopo il riconoscimento dell’autonomia progettuale e didattica delle istituzioni scolastiche si è entrati in una fase nuova, nella quale l’elaborazione del curricolo è principalmente in mano alle scuole. Non si tratta di una libertà del tutto priva di vincoli, ma il nuovo testo nazionale di riferimento è molto più orientante che prescrittivo, e la prescrittività, che pure non manca, è riferita ai traguardi da raggiungere ed ai criteri pedagogici e metodologici ai quali fare riferimento, e non ad un carico contenutistico da trasmettere, lo stesso e nello stesso modo, anche se si opera in contesti sociali e culturali molto diversi.
Le “Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e della scuola del Primo ciclo” rappresentano il documento che ha sostituito i Programmi. Per la comunità professionale progettare comporta l’interrogare tale testo, per coglierne le richieste, ma ciò non è sufficiente.
L’altro fondamentale riferimento che la scuola deve assumere è dato dalla realtà nella quale essa opera, realtà che comprende gli alunni, le loro famiglie, il contesto sociale nel quale la scuola è collocata, ma anche le risorse professionali, tecnologiche, materiali disponibili.
Questo spiega perché un buon curricolo è fortemente localizzato, inevitabilmente diverso da quello elaborato in altri contesti di lavoro.
Come ricorda C. Scurati, la logica del curricolo poggia su quattro cardini fondamentali1: la realtà, la razionalità, la socialità e la trasparenza. Il riferimento alla realtà è un elemento essenziale del curricolo, che viene ad essere una sorta di vestito su misura della scuola considerata nel suo radicamento territoriale; la definizione del curricolo è il risultato della competenza nella definizione di obiettivi precisi (che traducono in termini concreti le generiche finalità del sistema formativo), della efficacia nel raggiungere tali obiettivi e dell’efficienza nel predisporre risorse e nell’impiegare modalità operative per raggiungerli, ed in queste operazioni consiste la razionalità del curricolo; il curricolo è, inoltre, un prodotto sociale, frutto della capacità di negoziazione interna alla scuola, tra le diverse componenti presenti ed anche esterna, nella fitta rete di relazioni che lega la scuola agli altri soggetti, istituzionali e non, presenti nel territorio; infine, la logica del curricolo impone che quanto viene predisposto sia comprensibile, comunicato socialmente, e verificabile. La trasparenza è la condizione della possibilità continua di ridefinizione e di miglioramento.







1

Editrice La Scuola © Tutti i diritti riservati

Informativa sui Cookie*

A-Definizioni
La maggior parte dei siti utilizzano "cookie", vale a dire piccoli file di testo memorizzati sul dispositivo, che permettono di operare sul sito e di raccogliere informazioni riguardanti l'attività online.  Il testo all'interno di un cookie spesso prevede una stringa di numeri e lettere che identificano univocamente il computer dell'utente, ma possono anche contenere altre informazioni.
Per default quasi tutti i browser web sono impostati per accettare automaticamente i cookie.
L’articolo 5, paragrafo 3 della direttiva 2002/58/CE**, come modificato dalla direttiva 2009/136/CE, prevede l’esenzione dei cookie dall’obbligo del consenso informato se soddisfano uno dei criteri seguenti:
Criterio A: il cookie è utilizzato “al solo fine di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica”.
Criterio B: il cookie è “strettamente necessari[o] al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio”.

I cookie sono spesso classificati in base alle loro caratteristiche:
1) “cookie di sessione” o “cookie persistenti”;
2) “cookie di terzi”.
Un “cookie di sessione” è un cookie che viene cancellato automaticamente alla chiusura del browser, mentre un “cookie persistente” è un cookie che rimane archiviato nell’apparecchiatura terminale dell’utente fino alla scadenza prestabilita (che può corrispondere a minuti, giorni o più anni nel futuro).
I siti La Scuola utilizzano cookies di terze parti legate al solo monitoraggio del traffico e cookie di sessione unicamente per i servizi erogati a docenti e studenti in relazione ai contenuti scolastici per consentire il riconoscimento degli accessi realmente autorizzati.
Per approfondimenti rimandiamo alla citata direttiva CE**.

B-Controlli del browser per bloccare o cancellare i cookie.
La maggior parte dei browser accetta automaticamente i cookie, ma permette di modificare le impostazioni del browser per bloccare i cookie. 
Se si accettano i cookie, è possibile eliminarli successivamente.  Le istruzioni per eliminare i cookie in altri browser sono disponibili in ogni informativa sulla privacy del browser.
Se si cancellano i cookie, le impostazioni e preferenze da questi controllati, comprese le preferenze pubblicitarie, verranno cancellate e potrebbe essere necessario ricrearle.
Alcuni nuovi browser hanno poi introdotto la funzionalità DNT. Molte di queste funzionalità, se attivate, inviano un segnale o una preferenza ai siti Web visitati indicando che non si vuole essere tracciati.

C-Controlli per la cancellazione dai messaggi pubblicitari.
Dato che i cookie possono essere utilizzati per diversi motivi, gli utenti che non vogliono ricevere messaggi pubblicitari mirati a livello comportamentale possono scegliere di accettare i cookie, ma di annullarne un particolare utilizzo. Le società pubblicitarie online hanno sviluppato linee guida e programmi per facilitare la protezione della privacy degli utenti, in cui sono incluse pagine Web che possono essere visitate per rifiutare esplicitamente la ricezione di annunci pubblicitari mirati da tutte le società partecipanti. Queste pagine includono:

  1. Assistenza Consumatori Digital Advertising Alliance (DAA): http://www.aboutads.info/choices/
  2. Pagina di cancellazione Network Advertising Initiative (NAI):http://www.networkadvertising.org/managing/opt_out.asp
  3. In Europa, è anche possibile visitare Your Online Choices: http://www.youronlinechoices.com/

D-Controlli di analisi terze parti.
Come descritto di seguito in dettaglio, molti siti Web e servizi online di e altre compagnie, utilizzano servizi di analisi terze parti con cookie e Web beacon per compilare statistiche aggregate relative all'efficacia delle campagne promozionali o ad altre operazioni del sito Web.  È possibile rifiutare la raccolta o l'utilizzo dei dati da parte dei provider di analisi facendo clic sui seguenti collegamenti:

  1. Omniture (Adobe): http://www.d1.sc.omtrdc.net/optout.html
  2. Nielsen: http://www.nielsen-online.com/corp.jsp?section=leg_prs&nav=1#Optoutchoices
  3. Coremetrics: http://www.coremetrics.com/company/privacy.php#optout
  4. Visible Measures: http://corp.visiblemeasures.com/viewer-settings
  5. Google Analytics: http://tools.google.com/dlpage/gaoptout (richiede l'installazione di un componente aggiuntivo del browser).

______________________
* Provvedimento del Garante per la Privacy dell’8 maggio 2014, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 dello scorso 3 giugno http://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/3118884

**vedi: http://ec.europa.eu/justice/data-protection/article-29/documentation/opinion-recommendation/files/2012/wp194_it.pdf#h2-8).