news

HOME > NEWS

19
29/04/2013   21  Secondaria 2° grado - CLIL   4  Primaria - CLIL   17  Secondaria 1° grado - CLIL  

CLIL: le normative

01/01/2012 (FACOLTATIVA)

 Oltre alle norme sull’autonomia scolastica che hanno permesso questa innovazione didattica, qual è la normativa di riferimento specifica per il CLIL? 
Dal punto di vista dei docenti: 
Il DM 249/2010 “Regolamento concernente: «Definizione della disciplina dei requisiti e delle modalità della formazione iniziale degli insegnanti della scuola dell’infanzia, della scuola primaria e della scuola secondaria di primo e secondo grado (…)»”. Questo decreto ministeriale riguarda il profilo professionale dei nuovi docenti. L’art. 14 istituisce una formazione aggiuntiva specifica per i docenti CLIL. La materia viene approfondita con la nota MIUR del 9 dicembre 2010. Queste disposizioni, in Trentino, trovano un’applicazione specifica. Si aggiunge il decreto ministeriale 30 settembre 2011, pubblicato in GU il 24 dicembre 2011, che riporta, in particolare il programma di studio del corso universitario di perfezionamento per i docenti CLIL della secondaria di secondo grado.
Si veda inoltre:
 
la circolare ministeriale 17 aprile 2012 AOODGPER che illustra, per l’ambito nazionale, le caratteristiche dei percorsi, i destinatari, i criteri e le modalità organizzative;

il decreto n. 6 del 16 aprile 2012 del Direttore generale della Direzione Generale per il Personale Scolastico che riporta il profilo del docente CLIL, per l’ambito nazionale, i destinatari dei corsi, le modalità di accesso e i soggetti qualificati per la formazione.

il decreto ministeriale del 7 marzo 2012, che riporta i requisiti per il riconoscimento della validità delle certificazioni delle competenze linguistico-comunicative in lingua straniera per il personale scolastico.

Dal punto di vista dell’utenza:
Il CLIL come modalità didattica ordinamentale che le scuole devono offrire all’utenza nasce con i Regolamenti nazionali di riordino del secondo ciclo (Riforma Gelmini; per il Trentino vedi DPP del 5 agosto 2011, n. 11-69/Leg) che prevedono l’insegnamento di una disciplina non linguistica (DNL) in modalità CLIL nel quinto anno dei Licei e degli Istituti tecnici e dal terzo anno del Liceo Linguistico.
 
La modalità di CLIL autonoma (per iniziativa delle scuole) e quella ordinamentale (che riguarda il quinto anno del secondo ciclo) sono in alternativa?

No, ma la scuola deve (salvo assenza di risorse umane) offrire una DNL-CLIL almeno al quinto anno dei Licei e degli Istituti tecnici, mentre nei Licei Linguistici è prevista la modalità CLIL già a partire dal terzo anno in una lingua e dal quarto in una seconda lingua. Nelle quinte classi di ciascun indirizzo, secondo le intenzioni ministeriali, tutta la disciplina deve essere insegnata in lingua. Per affrontare meglio la sfida del quinto anno è bene comunque che la scuola offra forme di CLIL nelle classi precedenti.






1

Editrice La Scuola © Tutti i diritti riservati

Informativa sui Cookie*

A-Definizioni
La maggior parte dei siti utilizzano "cookie", vale a dire piccoli file di testo memorizzati sul dispositivo, che permettono di operare sul sito e di raccogliere informazioni riguardanti l'attività online.  Il testo all'interno di un cookie spesso prevede una stringa di numeri e lettere che identificano univocamente il computer dell'utente, ma possono anche contenere altre informazioni.
Per default quasi tutti i browser web sono impostati per accettare automaticamente i cookie.
L’articolo 5, paragrafo 3 della direttiva 2002/58/CE**, come modificato dalla direttiva 2009/136/CE, prevede l’esenzione dei cookie dall’obbligo del consenso informato se soddisfano uno dei criteri seguenti:
Criterio A: il cookie è utilizzato “al solo fine di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica”.
Criterio B: il cookie è “strettamente necessari[o] al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio”.

I cookie sono spesso classificati in base alle loro caratteristiche:
1) “cookie di sessione” o “cookie persistenti”;
2) “cookie di terzi”.
Un “cookie di sessione” è un cookie che viene cancellato automaticamente alla chiusura del browser, mentre un “cookie persistente” è un cookie che rimane archiviato nell’apparecchiatura terminale dell’utente fino alla scadenza prestabilita (che può corrispondere a minuti, giorni o più anni nel futuro).
I siti La Scuola utilizzano cookies di terze parti legate al solo monitoraggio del traffico e cookie di sessione unicamente per i servizi erogati a docenti e studenti in relazione ai contenuti scolastici per consentire il riconoscimento degli accessi realmente autorizzati.
Per approfondimenti rimandiamo alla citata direttiva CE**.

B-Controlli del browser per bloccare o cancellare i cookie.
La maggior parte dei browser accetta automaticamente i cookie, ma permette di modificare le impostazioni del browser per bloccare i cookie. 
Se si accettano i cookie, è possibile eliminarli successivamente.  Le istruzioni per eliminare i cookie in altri browser sono disponibili in ogni informativa sulla privacy del browser.
Se si cancellano i cookie, le impostazioni e preferenze da questi controllati, comprese le preferenze pubblicitarie, verranno cancellate e potrebbe essere necessario ricrearle.
Alcuni nuovi browser hanno poi introdotto la funzionalità DNT. Molte di queste funzionalità, se attivate, inviano un segnale o una preferenza ai siti Web visitati indicando che non si vuole essere tracciati.

C-Controlli per la cancellazione dai messaggi pubblicitari.
Dato che i cookie possono essere utilizzati per diversi motivi, gli utenti che non vogliono ricevere messaggi pubblicitari mirati a livello comportamentale possono scegliere di accettare i cookie, ma di annullarne un particolare utilizzo. Le società pubblicitarie online hanno sviluppato linee guida e programmi per facilitare la protezione della privacy degli utenti, in cui sono incluse pagine Web che possono essere visitate per rifiutare esplicitamente la ricezione di annunci pubblicitari mirati da tutte le società partecipanti. Queste pagine includono:

  1. Assistenza Consumatori Digital Advertising Alliance (DAA): http://www.aboutads.info/choices/
  2. Pagina di cancellazione Network Advertising Initiative (NAI):http://www.networkadvertising.org/managing/opt_out.asp
  3. In Europa, è anche possibile visitare Your Online Choices: http://www.youronlinechoices.com/

D-Controlli di analisi terze parti.
Come descritto di seguito in dettaglio, molti siti Web e servizi online di e altre compagnie, utilizzano servizi di analisi terze parti con cookie e Web beacon per compilare statistiche aggregate relative all'efficacia delle campagne promozionali o ad altre operazioni del sito Web.  È possibile rifiutare la raccolta o l'utilizzo dei dati da parte dei provider di analisi facendo clic sui seguenti collegamenti:

  1. Omniture (Adobe): http://www.d1.sc.omtrdc.net/optout.html
  2. Nielsen: http://www.nielsen-online.com/corp.jsp?section=leg_prs&nav=1#Optoutchoices
  3. Coremetrics: http://www.coremetrics.com/company/privacy.php#optout
  4. Visible Measures: http://corp.visiblemeasures.com/viewer-settings
  5. Google Analytics: http://tools.google.com/dlpage/gaoptout (richiede l'installazione di un componente aggiuntivo del browser).

______________________
* Provvedimento del Garante per la Privacy dell’8 maggio 2014, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 dello scorso 3 giugno http://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/3118884

**vedi: http://ec.europa.eu/justice/data-protection/article-29/documentation/opinion-recommendation/files/2012/wp194_it.pdf#h2-8).