news

HOME > NEWS

343
18/10/2013   15  Secondaria 2° grado - News mondo scuola  

E se tornassimo ad imparare le poesie a memoria?

01/01/2012 (FACOLTATIVA)

Giusto a metà del Ponte della Libertà, il ponte che collega la terraferma a Venezia, si trova un piccolo slargo erboso sul quale sono collocati due storici cannoni. Sono lì a ricordare l'eroica resistenza della Repubblica di San Marco contro gli Austriaci durante i fatti del 1848. Ebbene, ogni volta che mi trovo a passarvi davanti non posso sottrarmi alla memoria di questi versi: "Sulle tue pagine scolpisci, o Storia - l'altrui nequizie e la sua gloria - e grida al mondo tre volte infame - chi vuol Venezia morta di fame". Sono i versi disperati di un poeta combattente (Arnaldo Fusinato) che vede spegnersi il sogno di indipendenza della sua gente, stremata dal "pan ci manca" e dall'infuriare del "morbo". Ed ogni volta non è solo l'algido ricordo di un evento storico, è anche un'emozione: come se quelle rime che vengono tutte da dentro avessero il potere di azzerare la distanza temporale con un passato ormai remoto. Magia della poesia, si dirà. Sì, ma soprattutto magia di una poesia fatta imparare a memoria tra banchi di legno e calamai di una vecchia scuola elementare, da un burbero maestro, in grazia d'antiquati canoni didattici. 
E allora con la chiave "Imparare poesie memoria" entriamo in Google: a frugare nel meraviglioso disordine di notizie, informazioni, consigli, convincimenti, fantasie a questo tema dedicati. Un sondaggio, per cominciare. Sulla proposta del Ministro inglese dell'Istruzione, Michael Gove, di rilanciare nella scuola elementare la pratica di imparare poesie a memoria, la maggioranza degli intervistati si è dichiarata contraria: 58% contro il 42% di favorevoli ("Che bello imparare a menoria"). Eppure, l'impressione che si trae curiosando qui e là tra le carte di Google non sa affatto di rigetto, ben piuttosto di gelosa cura per tutto quanto ci si porti mnemonicamente dentro di rima e di verso. La poesia è musica, e "quando si riesce a ripeterla si entra nella sua musicalità fino in fondo" ("La poesia a memoria/genitori crescono"). La poesia è un talismano, per Italo Calvino, dal quale arriva il consiglio di "imparare delle poesie a memoria, molte poesie a memoria, da bambini, da giovani, e anche da vecchi"; anche perché "le poesie fanno compagnia quando uno se le ripete mentalmente" ("Un talismano per il duemila"). Per taluni, poi, la poesia imparata a memoria è un investimento, addirittura "un gruzzolo immenso per il futuro" ("Ora riscopriamo che imparare le poesie a memoria serve"); per altri, costituisce un ancoraggio generazionale all'identità culturale della comunità poiché "studiare poesie a memoria serve a costruire un deposito di beni culturali comuni a diverse generazioni, ad offrire cioè ai giovani la possibilità di condividere con i loro padri e con i loro nonni uno stesso linguaggio" (Soverato web"). Fino alla trasfigurazione fantastica, d'autore. L'incontro con la bella poesia come incontro con una bella persona. Da amare l'una come amare l'altra. Da trattenere mnemonicamente l'una come disperatamente trattenere l'altra: "E perché non imparare questi testi a memoria? In nome di che cosa non appropriarsi della letteratura? Forse perché non si fa più da tanto tempo? Vorremmo lasciare volar via pagine simili come foglie morte solo perché non è più stagione? È davvero auspicabile non trattenere simili incontri? Se questi testi fossero persone, se queste pagine eccezionali avessero volti, dimensioni, una voce, un sorriso, un profumo, non passeremmo il resto della vita a morderci le mani per averli lasciati scappare via?”(Daniel Pennac, "Diario di scuola").
Non è tutto, ma è già quanto basta per misurare la distanza da quella maggioranza che tira via dritto davanti ai cipressetti "alti e schietti" di Bolgheri o ai due obici puntati verso Mestre, sul ponte di laguna che porta a Venezia.

Nicola Casaburi    






1

Editrice La Scuola © Tutti i diritti riservati

Informativa sui Cookie*

A-Definizioni
La maggior parte dei siti utilizzano "cookie", vale a dire piccoli file di testo memorizzati sul dispositivo, che permettono di operare sul sito e di raccogliere informazioni riguardanti l'attività online.  Il testo all'interno di un cookie spesso prevede una stringa di numeri e lettere che identificano univocamente il computer dell'utente, ma possono anche contenere altre informazioni.
Per default quasi tutti i browser web sono impostati per accettare automaticamente i cookie.
L’articolo 5, paragrafo 3 della direttiva 2002/58/CE**, come modificato dalla direttiva 2009/136/CE, prevede l’esenzione dei cookie dall’obbligo del consenso informato se soddisfano uno dei criteri seguenti:
Criterio A: il cookie è utilizzato “al solo fine di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica”.
Criterio B: il cookie è “strettamente necessari[o] al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio”.

I cookie sono spesso classificati in base alle loro caratteristiche:
1) “cookie di sessione” o “cookie persistenti”;
2) “cookie di terzi”.
Un “cookie di sessione” è un cookie che viene cancellato automaticamente alla chiusura del browser, mentre un “cookie persistente” è un cookie che rimane archiviato nell’apparecchiatura terminale dell’utente fino alla scadenza prestabilita (che può corrispondere a minuti, giorni o più anni nel futuro).
I siti La Scuola utilizzano cookies di terze parti legate al solo monitoraggio del traffico e cookie di sessione unicamente per i servizi erogati a docenti e studenti in relazione ai contenuti scolastici per consentire il riconoscimento degli accessi realmente autorizzati.
Per approfondimenti rimandiamo alla citata direttiva CE**.

B-Controlli del browser per bloccare o cancellare i cookie.
La maggior parte dei browser accetta automaticamente i cookie, ma permette di modificare le impostazioni del browser per bloccare i cookie. 
Se si accettano i cookie, è possibile eliminarli successivamente.  Le istruzioni per eliminare i cookie in altri browser sono disponibili in ogni informativa sulla privacy del browser.
Se si cancellano i cookie, le impostazioni e preferenze da questi controllati, comprese le preferenze pubblicitarie, verranno cancellate e potrebbe essere necessario ricrearle.
Alcuni nuovi browser hanno poi introdotto la funzionalità DNT. Molte di queste funzionalità, se attivate, inviano un segnale o una preferenza ai siti Web visitati indicando che non si vuole essere tracciati.

C-Controlli per la cancellazione dai messaggi pubblicitari.
Dato che i cookie possono essere utilizzati per diversi motivi, gli utenti che non vogliono ricevere messaggi pubblicitari mirati a livello comportamentale possono scegliere di accettare i cookie, ma di annullarne un particolare utilizzo. Le società pubblicitarie online hanno sviluppato linee guida e programmi per facilitare la protezione della privacy degli utenti, in cui sono incluse pagine Web che possono essere visitate per rifiutare esplicitamente la ricezione di annunci pubblicitari mirati da tutte le società partecipanti. Queste pagine includono:

  1. Assistenza Consumatori Digital Advertising Alliance (DAA): http://www.aboutads.info/choices/
  2. Pagina di cancellazione Network Advertising Initiative (NAI):http://www.networkadvertising.org/managing/opt_out.asp
  3. In Europa, è anche possibile visitare Your Online Choices: http://www.youronlinechoices.com/

D-Controlli di analisi terze parti.
Come descritto di seguito in dettaglio, molti siti Web e servizi online di e altre compagnie, utilizzano servizi di analisi terze parti con cookie e Web beacon per compilare statistiche aggregate relative all'efficacia delle campagne promozionali o ad altre operazioni del sito Web.  È possibile rifiutare la raccolta o l'utilizzo dei dati da parte dei provider di analisi facendo clic sui seguenti collegamenti:

  1. Omniture (Adobe): http://www.d1.sc.omtrdc.net/optout.html
  2. Nielsen: http://www.nielsen-online.com/corp.jsp?section=leg_prs&nav=1#Optoutchoices
  3. Coremetrics: http://www.coremetrics.com/company/privacy.php#optout
  4. Visible Measures: http://corp.visiblemeasures.com/viewer-settings
  5. Google Analytics: http://tools.google.com/dlpage/gaoptout (richiede l'installazione di un componente aggiuntivo del browser).

______________________
* Provvedimento del Garante per la Privacy dell’8 maggio 2014, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 dello scorso 3 giugno http://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/3118884

**vedi: http://ec.europa.eu/justice/data-protection/article-29/documentation/opinion-recommendation/files/2012/wp194_it.pdf#h2-8).