news

HOME > NEWS

344
09/10/2013   3  Dal Gruppo  

Rapporto Eurydice,”Key Data on Teachers and School Leaders in Europe – 2013

01/01/2012 (FACOLTATIVA)

Sistemo scolastici europei a confronto

L’ultimo rapporto della rete Eurydice,”Key Data on Teachers and School Leaders in Europe – 2013” offre una panoramica sulle condizioni di lavoro di insegnanti e capi d’istituto e sulle possibilità di sviluppo presenti nelle scuole. Un’analisi che presenta spunti di riflessione utili per migliorare le condizioni e la qualità dell’insegnamento, obiettivo centrale del quadro strategico della Commissione europea per la cooperazione nel settore dell’istruzione e della formazione (ET 2020).

Il rapporto [EACEA]
L'abstract [EACEA]

Il rapporto descrive il ciclo di vita di un insegnante in Europa dalla formazione al pensionamento.
In generale, occorre un diploma d'istruzione superiore di primo livello (bachelor) per insegnare e solo per le scuole superiori di livello secondario serve un diploma d'istruzione superiore di secondo livello (master). Il percorso formativo quindi va dai quattro ai sette anni e non sono molto diffusi programmi alternativi a ciclo breve.
Per gli studenti che vogliono intraprendere questo percorso professionale, nella maggior parte dei Paesi non esistono criteri di selezione o esami di ammissione particolari; mentre è più specifica la preparazione necessaria ai formatori degli insegnati che, nella metà dei Paesi europei, devono essere a loro volta qualificati come insegnanti.
In 17 Paesi, tra quelli analizzati, sono obbligatori programmi di accompagnamento e formazione per i neo assunti, utili anche a ridurre il rischio di abbandono della professione.
Gli insegnanti, circa il 2,1% della popolazione attiva in Europa, molto spesso non hanno riconosciuto lo status di dipendente pubblico di carriera con incarico a vita, anche se previsto dal proprio Paese. Sono sempre più assunti con modalità di reclutamento aperto, direttamente dalle scuole e dalle autorirà educative locali, con contratti che possono restare a tempo determinato.
Dei 5 milioni d'insegnanti presenti in Europa, le donne sono la quota più numerosa, ma le posizioni di leadership scolastica sono occupate per lo più da uomini.
Leadership scolastica che è condivisa da un'équipe: uno o più vice capi d'istituto, un assistente amministrativo o contabile e il capo d'istituto steso. Per essere nominati capi d'istituto occorre un’esperienza di insegnamento di almeno cinque anni oltre a quella amministrativa o una specifica formazione per dirigenti.
L’orario medio di servizio da contratto prevede 35-40 ore settimanali di lavoro, che deve comprendere le ore minime di insegnamento (da 12 a 36) più quelle previste per riunioni, correzioni e preparazione del lavoro. Molto lavoro ma stipendi base minimi lordi, spesso inferiori al PIL pro capite del proprio Paese.
È molto importante lo sviluppo professionale continuo per gli insegnanti; per questo spesso le scuole sono obbligate ad avere piani di sviluppo professionale, necessari anche per aumenti di stipendio e avanzamenti di carriera.






1

Editrice La Scuola © Tutti i diritti riservati

Informativa sui Cookie*

A-Definizioni
La maggior parte dei siti utilizzano "cookie", vale a dire piccoli file di testo memorizzati sul dispositivo, che permettono di operare sul sito e di raccogliere informazioni riguardanti l'attività online.  Il testo all'interno di un cookie spesso prevede una stringa di numeri e lettere che identificano univocamente il computer dell'utente, ma possono anche contenere altre informazioni.
Per default quasi tutti i browser web sono impostati per accettare automaticamente i cookie.
L’articolo 5, paragrafo 3 della direttiva 2002/58/CE**, come modificato dalla direttiva 2009/136/CE, prevede l’esenzione dei cookie dall’obbligo del consenso informato se soddisfano uno dei criteri seguenti:
Criterio A: il cookie è utilizzato “al solo fine di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica”.
Criterio B: il cookie è “strettamente necessari[o] al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio”.

I cookie sono spesso classificati in base alle loro caratteristiche:
1) “cookie di sessione” o “cookie persistenti”;
2) “cookie di terzi”.
Un “cookie di sessione” è un cookie che viene cancellato automaticamente alla chiusura del browser, mentre un “cookie persistente” è un cookie che rimane archiviato nell’apparecchiatura terminale dell’utente fino alla scadenza prestabilita (che può corrispondere a minuti, giorni o più anni nel futuro).
I siti La Scuola utilizzano cookies di terze parti legate al solo monitoraggio del traffico e cookie di sessione unicamente per i servizi erogati a docenti e studenti in relazione ai contenuti scolastici per consentire il riconoscimento degli accessi realmente autorizzati.
Per approfondimenti rimandiamo alla citata direttiva CE**.

B-Controlli del browser per bloccare o cancellare i cookie.
La maggior parte dei browser accetta automaticamente i cookie, ma permette di modificare le impostazioni del browser per bloccare i cookie. 
Se si accettano i cookie, è possibile eliminarli successivamente.  Le istruzioni per eliminare i cookie in altri browser sono disponibili in ogni informativa sulla privacy del browser.
Se si cancellano i cookie, le impostazioni e preferenze da questi controllati, comprese le preferenze pubblicitarie, verranno cancellate e potrebbe essere necessario ricrearle.
Alcuni nuovi browser hanno poi introdotto la funzionalità DNT. Molte di queste funzionalità, se attivate, inviano un segnale o una preferenza ai siti Web visitati indicando che non si vuole essere tracciati.

C-Controlli per la cancellazione dai messaggi pubblicitari.
Dato che i cookie possono essere utilizzati per diversi motivi, gli utenti che non vogliono ricevere messaggi pubblicitari mirati a livello comportamentale possono scegliere di accettare i cookie, ma di annullarne un particolare utilizzo. Le società pubblicitarie online hanno sviluppato linee guida e programmi per facilitare la protezione della privacy degli utenti, in cui sono incluse pagine Web che possono essere visitate per rifiutare esplicitamente la ricezione di annunci pubblicitari mirati da tutte le società partecipanti. Queste pagine includono:

  1. Assistenza Consumatori Digital Advertising Alliance (DAA): http://www.aboutads.info/choices/
  2. Pagina di cancellazione Network Advertising Initiative (NAI):http://www.networkadvertising.org/managing/opt_out.asp
  3. In Europa, è anche possibile visitare Your Online Choices: http://www.youronlinechoices.com/

D-Controlli di analisi terze parti.
Come descritto di seguito in dettaglio, molti siti Web e servizi online di e altre compagnie, utilizzano servizi di analisi terze parti con cookie e Web beacon per compilare statistiche aggregate relative all'efficacia delle campagne promozionali o ad altre operazioni del sito Web.  È possibile rifiutare la raccolta o l'utilizzo dei dati da parte dei provider di analisi facendo clic sui seguenti collegamenti:

  1. Omniture (Adobe): http://www.d1.sc.omtrdc.net/optout.html
  2. Nielsen: http://www.nielsen-online.com/corp.jsp?section=leg_prs&nav=1#Optoutchoices
  3. Coremetrics: http://www.coremetrics.com/company/privacy.php#optout
  4. Visible Measures: http://corp.visiblemeasures.com/viewer-settings
  5. Google Analytics: http://tools.google.com/dlpage/gaoptout (richiede l'installazione di un componente aggiuntivo del browser).

______________________
* Provvedimento del Garante per la Privacy dell’8 maggio 2014, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 dello scorso 3 giugno http://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/3118884

**vedi: http://ec.europa.eu/justice/data-protection/article-29/documentation/opinion-recommendation/files/2012/wp194_it.pdf#h2-8).