news

HOME > NEWS

734
10/12/2014   2  Tutte le news  

La giornata della Memoria

01/01/2012 (FACOLTATIVA)

Il 27 gennaio 2015 cadrà il 70° anniversario dell’apertura dei cancelli di Auschwitz, avvenuta appunto il 27 gennaio 1945, ad opera delle truppe sovietiche dell’Armata Rossa.

Per la prima volta i sopravvissuti del campo di sterminio rivelarono compiutamente al mondo l’orrore del genocidio nazifascista e vennero mostrati gli strumenti di annientamento e di tortura.

La Shoah – la distruzione degli ebrei d’Europa – occupa un posto unico, per dimensioni, intensità, rapidità nel vasto panorama dei genocidi del XX secolo ed è diventata il simbolo, nella definizione dello storico tedesco Dan Dinar, di una “rottura di civiltà” nel mondo occidentale.

Per riflettere e per ricordare, Editrice La Scuola propone due titoli, uno di testimonianza diretta e uno di analisi per non dimenticare quanto accaduto e perché, come ricordato da Massimo Giuliani, “solo la conoscenza uccide il pregiudizio”.


Terezin. Il ghetto-modello di Eichmann

Benjamin Murmelstein - Terezin. Il ghetto-modello di Eichmann - Editrice La Scuola

di Benjamin Murmelstein
pp. 288 - € 15,50

Centrato su un'intervista a Benjamin Murmelstein, il "grande rabbino", che aveva guidato sino alla Liberazione il “ghetto modello” di Terezin nell'ex Cecoslovacchia, e che fu l'unico “Jewish elder” (definizione nazista) sopravvissuto, il volume descrive la realtà voluta da Eichmann nel '41 per ingannare il mondo e gli stessi ebrei. Degli oltre 140.000 ebrei internati dai nazisti nella città fortezza (nell’attuale Repubblica Ceca) solo 17.247 ebrei sopravvissero agli stenti, alle malattie e alla deportazione verso Auschwitz.
Benjamin Murmelstein si trovò - in quelle circostanze terribili ed eccezionali - a svolgere un ruolo importante nella gestione della comunità dei prigionieri e fu, per questo, oggetto di campagne denigratorie e di accuse di collaborazionismo.

Claude Lanzmann intervista Benjamin Murmelstein
Claude Lanzmann intervista Benjamin Murmelstein a Roma nel 1970

Nel suo libro, documento di grande rilievo storico, c’è l’opera di un “testimone mai sentito” convinto che l’essere sopravvissuto debba tradursi in un contributo utile per la difesa dell’umanità. "Può anche darsi che, fra tutti i condannati a “sapere”, io solo non sia stato liquidato per una di quelle assurde circostanze verificatesi spesso a Terezin. Invece se la vita risparmiata ha una ragion d’essere… questa è la storia del ghetto di Terezin", si legge nell’opera che presenta una lunga nuova postfazione di Wolf Murmelstein, figlio di Benjamin.
E’ lui a raccontare le lunghe sofferenze del padre negli anni della Shoah, ma pure - e sarà elemento di polemica - in quelli successivi.
E aggiunge: "Chi scrive fu mortificato col rifiuto di recitare in sinagoga la preghiera in ricordo del Padre perché avesse “parte del mondo futuro”. Solo dopo varie pressioni, in sede di Consulta Rabbinica Italiana, Elio Toaff “motivò” le proprie decisioni con generiche “informazioni negative”. Il desiderio di Benjamin Murmelstein di riposare accanto alla sua consorte, che per quarant’anni condivise con lui ansie e umiliazioni, non è stato rispettato".


Conoscere la Shoah 

Massimo Giuliani - Conoscere la Shoah - Editrice La Scuola

di Massimo Giuliani
pp. 176 - € 11,00


Massimo Giuliani è docente di Pensiero ebraico presso l’Università degli Studi di Trento, dove coordina il corso di laurea in Filosofia ed è impegnato da anni a diffondere il pensiero di Primo Levi anche oltreoceano.
Conoscere la Shoah è un testo corale che mira a rendere chiaro, sotto diversi punti di vista, il dramma dell’Olocausto. Lo scorso anno, in occasione della sua presentazione del volume presso Editrice La Scuola (Guarda l'intervento) Giuliani ha affermato che “La memoria si corrompe, si distorce, si induce, per questo non basta, ma deve trapassare in coscienza storica; l’indispensabile testimonianza di chi resta deve infine diventare coscienza civica”. È quindi possibile “celebrare” il 27 gennaio? È pericoloso “mitizzare” la Shoah? Il professore ha suggerito di superare dualismi manichei e spesso semplificanti, proseguendo nell’indagine nella consapevolezza che “la retorica è il nemico numero uno, poiché, anche se muove e commuove, non è sufficiente. Solo la conoscenza, infatti, uccide il pregiudizio”.

Steven Spielberg - Schindler's List
Un fotogramma tratto dal film di Steven Spielberg "Schindler's list" (1993)

Mentre è stato lecito chiedersi dov’era Dio ad Auschwitz, Giuliani si è interrogato su dove fosse l’uomo, quando la “luce nera” dei campi di concentramento oscurava le menti addomesticandole alla “banalità del male”. Vedere la Shoah come “snodo nel rapporto fra religioni” – in particolar modo tra il mondo ebraico e quello cristiano, con le relative risposte di fronte alle più pregnanti domande morali, etiche ed esistenziali dell’umanità – costituisce per il professore il primo risvolto concreto di un terremoto teologico, sociale ed istituzionale ancora in atto. Perché “questa” memoria divide, ancora. 
 
 






1

Editrice La Scuola © Tutti i diritti riservati
IL SITO “La Scuola.it”
Titolare del Trattamento
Editrice La Scuola S.p.A. con sede in
Via Antonio Gramsci, 26
25121 Brescia (Italia)
Tel. +39 030 2993.1
Fax +39 030 2993.299

COOKIE POLICY
Come impieghiamo i Cookie
I cookie sono piccole stringhe di testo che il browser memorizza quando l’utente visita un determinato sito internet, incluso il nostro. I cookie sono generalmente utilizzati dai siti internet per migliorare l’esperienza di navigazione dell’utente, consentendo al sito web di riconoscerlo, sia per la durata della visita (utilizzando un cookie di “sessione” che sarà cancellato alla chiusura del browser) sia in caso di successive visite (utilizzando un cookie “permanente”).
Per sapere di più sui cookies, per favore visitate il sito web dedicato, che trovate di seguito riportato accanto al paese di origine:
Italia: Your Online Choices www.youronlinechoices.com/it/
Altri: All About Cookies www.allaboutcookies.org
Il provvedimento generale dell'Autorità Garante della privacy (GU n. 126 del 3 giugno 2014) ha definito due tipologie di cookie:
Cookie tecnici - Impiegati per permettere la trasmissione di una comunicazione, per condurre un servizio richiesto dall'utente o per effettuare ricerche statistiche sull'impiego del sito web.
Cookie di profilazione - Impiegati per registrare il comportamento di un utente e le preferenze manifestate al fine di inviargli messaggi pubblicitari in linea con i suoi interessi.
In riferimento al suddetto provvedimentoLaScuola.it utilizza le seguenti tipologie di Cookie:

Tecnici
Permettono il funzionamento di alcune parti del sito. Le loro finalità riguardano il mantenimento di una sessione attiva tra l’utente e il sito e la preferenza della lingua scelta dall’utente. Questi cookie vengono memorizzati all’interno del browser, è possibile cancellare o disabilitare la ricezione di questi cookie, compromettendo le funzionalità di alcuni servizi del sito web. Per l’utilizzo di questi cookie non è necessario ottenere il consenso da parte dell’utente.

Analytics
Google Analytics è uno strumento gratuito di analisi web di Google che consente di raccogliere informazioni relative alle pagine visitate, al tempo trascorso sul sito, al modo in cui il sito è stato raggiunto. Questi dati permettono di segnalare le tendenze dei siti web senza identificare i singoli visitatori. Per utilizzare questi cookies l’utente deve manifestare il proprio consenso, esprimendolo semplicemente proseguendo la navigazione del sito cliccando fuori dal banner che LaScuola.it presenta al primo accesso. Google Analytics utilizza i suoi cookies di proprietà. Puoi scoprire di più sulla privacy policy di Google visitando il sito: http://www.google.com/intl/it/policies/privacy/
E’ possibile annullare l’uso di Google Analytics in relazione all’utilizzo sul nostro sito scaricando e installando il Browser Plugin disponibile tramite questo link: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout?hl=it

Cookie di profilazione
Si tratta di cookies di terze parti che permettono di raccogliere le informazioni relative alle preferenze degli utenti mentre navigano in internet, registrare quando gli annunci vengono visti, la reazione degli utenti e le loro conseguenti azioni e controllare il rendimento delle campagne. Tale servizio, implementato su questo sito, impiega cookies di terze parti, di seguito elencati insieme alle rispettive privacy policy, nella quale vengono fornite ulteriori informazioni:
- DoubleClick, link: http://www.google.it/intl/it/policies/privacy/
- AddThis, link: http://www.addthis.com/privacy/privacy-policy/it/
- BlueKai, link: https://www.oracle.com/it/legal/privacy/marketing-cloud-data-cloud-privacy-policy.html
- Turn Inc. link: http://www.amobee.com/trust/consumer-opt-out
- Site Scout, link: http://www.sitescout.com/opting-out

Come impedire l'impiego dei cookie
In riferimento ai Cookie di terza parte utilizzati dal sito, si rimanda alla politica del fornitore raggiungibile dal link sopra indicato per le informazioni sulla loro disabilitazione.
Altro metodo per gestire i cookie è la modifica delle impostazioni del browser impiegato. La maggior parte dei browser internet, infatti, è configurata di default per accettare i cookie. È possibile tuttavia disabilitare il loro impiego o controllare quali di essi possano essere utilizzati o meno. Di seguito vengono riportati i link alle descrizioni sul come gestire i cookie sui più comuni web browser:
Chrome: https://support.google.com/accounts/answer/61416?hl=it
Internet Explorer: https://support.microsoft.com/it-it/help/17442/windows-internet-explorer-delete-manage-cookies
Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
Safari: https://support.apple.com/it-it/HT201265
Opera: http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html
Ricordiamo che disabilitare i cookie di navigazione o i cookie funzionali, può limitare il servizio da noi offerto o i contenuti del sito stesso.

Modifiche a questa policy
Editrice La Scuola si riserva la facoltà di modificare questa informativa secondo quanto si renderà necessario. Vi invitiamo a controllare questa pagina periodicamente nel caso vogliate tenere sotto controllo i cambiamenti.