HOME > RIVISTE > NEWS

Scuola e Didattica

Scuola e Didattica n.1 (set/2013)

3
text
EDITORIALE, di Pierplaolo Triani
BES E DIDATTICA DEL DISAGIO SCOLASTICO
La direttiva “Strumenti d’intervento per alunni con bisogni educativi speciali e organizzazione territoriale per l’inclusione scolastica” del 27 dicembre 2012 e la successiva circolare n. 8 del 6 marzo 2013 hanno, come è noto, chiesto alle scuole di attivare percorsi didattici specifi ci non solo per gli studenti disabili, o con DSA, ma anche per alunni con disturbi specifi ci evolutivi o con difficoltà gravi dovute alla personale situazione socio-culturale-economica.
Tali documenti hanno suscitato nella scuola reazioni contrastanti. Ciò che sta creando maggiori difficoltà non sono le intenzioni pedagogiche di fondo, generalmente pienamente condivise, quanto piuttosto i risvolti pratici.
Senza entrare nel dettaglio dei due documenti, e sottolineando la positività delle finalità pedagogiche ispiratrici, ritengo sia utile rifl ettere brevemente sulla logica operativa sottostante che a mo parere rappresenta il vero aspetto ‘cruciale’ della questione.
La logica di fondo dei due documenti, in analogia con quanto già previsto per la disabilità certificata e per i problemi specifici di apprendimento, può essere così sintetizzata: per poter intervenire in modo speciale su un alunno occorre una attestazione formale delle sue difficoltà.
Una tale logica è molto ‘forte’, ma la sua applicazione (soprattutto nel caso degli svantaggi socio-economicoculturali), appare complessa e la sua generalizzazione, per alcuni aspetti, rischiosa.
Innanzitutto essa è molto forte, in quanto la formalizzazione della presenza, anche temporanea, di una difficoltà, guida e vincola in modo più dirimente l’azione della scuola. Su questo aspetto sembra fare principalmente leva la circolare ministeriale: dare alle scuole la possibilità di formalizzare gli interventi speciali, per far sì che l’attenzione a situazioni particolarmente diffi cili non sia solo questioni di pochi volenterosi, ma responsabilità pedagogica di tutto il consiglio di classe.
Chi attesta però in modo formale la presenza delle difficoltà? Nel caso degli studenti in situazione di disabilità, oppure nel caso di studenti con disturbi specifici di apprendimento o con disturbi evolutivi specifici, l’attestazione è assegnata a soggetti esterni alla scuola. Al consiglio di classe è chiesto di far proprio ciò che è definito da specialisti del settore. Lo scenario cambia molto nel caso degli studenti con svantaggio socio, economico, culturale. È possibile avere degli indicatori certi? La questione sta giustamente interrogando i consigli di classe e a questo riguardo perciò occorre subito sgombrare il campo. La presenza di indicatori non basta; essi sono d’aiuto ma non sostituiscono una valutazione peculiarmente pedagogica da parte del consiglio di classe. A differenza dei casi di attestazione esterna, nei ragazzi con svantaggi socio-economico-culturali è la scuola il soggetto principale che formalizza la necessità di un percorso ad hoc, ciò però comporta costruire un complesso processo di osservazione, di confronto, di valutazione della fattibilità e dell’opportunità di formalizzare percorsi didattici specifici. La questione perciò diventa non solo quella di avere griglie e scale delle possibili
difficoltà ma di costruire una lettura condivisa delle situazioni e di prevedere (e sappiamo quanto sia difficile) un tempo adeguato di confronto per assumere una linea di azione.
Oltre ad essere complessa nella sua realizzazione, la logica che collega strettamente la formalizzazione dei problemi con l’attivazione di determinate strategie didattiche va applicata con la piena consapevolezza di un rischio: quello di porre la formalizzazione delle difficoltà non come risorsa in più, ma come condizione per gli interventi personalizzati. Sarebbe un errore molto serio perché significherebbe ridurre il principio della personalizzazione al solo campo degli alunni con gravi difficoltà, modificandone profondamente il senso originario.
Per valorizzare invece la forza che per le scuole può rappresentare l’applicazione della logica dell’attestazione formale anche con gli studenti con svantaggio socio-economico-culturale, e contemporaneamente ridurne i rischi di deformazione, occorre che si allarghino gli orizzonti. In altre parole, come più volte abbiamo cercato di mettere in luce nelle pagine di Scuola e Didattica, è necessario che le scuole costruiscano (e siano aiutate in tale senso) una più ampia didattica del disagio scolastico. Essa prevede la definizione di percorsi personalizzati, formalmente definiti, solo come uno degli strumenti a disposizione della scuola, come punto di arrivo di un processo più ampio. Tale processo tocca una pluralità di aspetti: attenzione alla costruzione della classe, ascolto delle difficoltà dei ragazzi, implementazione di strategie relazionali, motivazionali, attivazione di più forme di didattica in aula, monitoraggio delle situazioni più difficili.
Certo non si tratta di una prospettiva facile, soprattutto in un periodo di contrazione di risorse. Ma il primo passo è culturale: pensare che la prevenzione del disagio comincia già dall’attenzione al fare scuola nella sua quotidianità, nel modo di operare con i ragazzi e tra colleghi, avendo a cuore l’apprendimento di ciascuno, al di là delle attestazioni formali delle difficoltà.
62/zrivntext/13776908809541940162_scuola_didattica.jpg
sx
2

Editrice La Scuola © Tutti i diritti riservati

Informativa sui Cookie*

A-Definizioni
La maggior parte dei siti utilizzano "cookie", vale a dire piccoli file di testo memorizzati sul dispositivo, che permettono di operare sul sito e di raccogliere informazioni riguardanti l'attività online.  Il testo all'interno di un cookie spesso prevede una stringa di numeri e lettere che identificano univocamente il computer dell'utente, ma possono anche contenere altre informazioni.
Per default quasi tutti i browser web sono impostati per accettare automaticamente i cookie.
L’articolo 5, paragrafo 3 della direttiva 2002/58/CE**, come modificato dalla direttiva 2009/136/CE, prevede l’esenzione dei cookie dall’obbligo del consenso informato se soddisfano uno dei criteri seguenti:
Criterio A: il cookie è utilizzato “al solo fine di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica”.
Criterio B: il cookie è “strettamente necessari[o] al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio”.

I cookie sono spesso classificati in base alle loro caratteristiche:
1) “cookie di sessione” o “cookie persistenti”;
2) “cookie di terzi”.
Un “cookie di sessione” è un cookie che viene cancellato automaticamente alla chiusura del browser, mentre un “cookie persistente” è un cookie che rimane archiviato nell’apparecchiatura terminale dell’utente fino alla scadenza prestabilita (che può corrispondere a minuti, giorni o più anni nel futuro).
I siti La Scuola utilizzano cookies di terze parti legate al solo monitoraggio del traffico e cookie di sessione unicamente per i servizi erogati a docenti e studenti in relazione ai contenuti scolastici per consentire il riconoscimento degli accessi realmente autorizzati.
Per approfondimenti rimandiamo alla citata direttiva CE**.

B-Controlli del browser per bloccare o cancellare i cookie.
La maggior parte dei browser accetta automaticamente i cookie, ma permette di modificare le impostazioni del browser per bloccare i cookie. 
Se si accettano i cookie, è possibile eliminarli successivamente.  Le istruzioni per eliminare i cookie in altri browser sono disponibili in ogni informativa sulla privacy del browser.
Se si cancellano i cookie, le impostazioni e preferenze da questi controllati, comprese le preferenze pubblicitarie, verranno cancellate e potrebbe essere necessario ricrearle.
Alcuni nuovi browser hanno poi introdotto la funzionalità DNT. Molte di queste funzionalità, se attivate, inviano un segnale o una preferenza ai siti Web visitati indicando che non si vuole essere tracciati.

C-Controlli per la cancellazione dai messaggi pubblicitari.
Dato che i cookie possono essere utilizzati per diversi motivi, gli utenti che non vogliono ricevere messaggi pubblicitari mirati a livello comportamentale possono scegliere di accettare i cookie, ma di annullarne un particolare utilizzo. Le società pubblicitarie online hanno sviluppato linee guida e programmi per facilitare la protezione della privacy degli utenti, in cui sono incluse pagine Web che possono essere visitate per rifiutare esplicitamente la ricezione di annunci pubblicitari mirati da tutte le società partecipanti. Queste pagine includono:

  1. Assistenza Consumatori Digital Advertising Alliance (DAA): http://www.aboutads.info/choices/
  2. Pagina di cancellazione Network Advertising Initiative (NAI):http://www.networkadvertising.org/managing/opt_out.asp
  3. In Europa, è anche possibile visitare Your Online Choices: http://www.youronlinechoices.com/

D-Controlli di analisi terze parti.
Come descritto di seguito in dettaglio, molti siti Web e servizi online di e altre compagnie, utilizzano servizi di analisi terze parti con cookie e Web beacon per compilare statistiche aggregate relative all'efficacia delle campagne promozionali o ad altre operazioni del sito Web.  È possibile rifiutare la raccolta o l'utilizzo dei dati da parte dei provider di analisi facendo clic sui seguenti collegamenti:

  1. Omniture (Adobe): http://www.d1.sc.omtrdc.net/optout.html
  2. Nielsen: http://www.nielsen-online.com/corp.jsp?section=leg_prs&nav=1#Optoutchoices
  3. Coremetrics: http://www.coremetrics.com/company/privacy.php#optout
  4. Visible Measures: http://corp.visiblemeasures.com/viewer-settings
  5. Google Analytics: http://tools.google.com/dlpage/gaoptout (richiede l'installazione di un componente aggiuntivo del browser).

______________________
* Provvedimento del Garante per la Privacy dell’8 maggio 2014, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 dello scorso 3 giugno http://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/3118884

**vedi: http://ec.europa.eu/justice/data-protection/article-29/documentation/opinion-recommendation/files/2012/wp194_it.pdf#h2-8).