HOME > UNIVERSITA > NEWS

Nuova didattica

Attivismo

1
text
(a cura di Valentina Prenna)
L'attivismo pedagogico è un approccio educativo nato a fine '800, prevalentemente ad opera del filosofo Americano John Dewey.
Alcuni college progressisti inglesi avevano già proposto di rivedere l'organizzazione, i contenuti e i metodi di una scuola non più rispondente ai bisogni sociali di un mondo in rapida trasformazione, per cercare un maggiore raccordo tra scuola e società (le "scuole nuove" di Cecil Reddie e Haden Badley nel1889).
Nel biennio 1894-1896, Dewey fonda a Chicago una scuola elementare basata sulla concezione di Friedrich Froebel. La nuova pedagogia, secondo Dewey, deve abbandonare ogni contenuto prefissato e mirare al metodo; ciò che realmente conta è promuovere lo sviluppo delle capacità critiche. L'indagine tramite l'esperienza diretta è il metodo. Questi i fondamenti della Scuola Attiva:
  • Puerocentrismo: il bambino è rispettato nella sua dimensione infantile, mentre precedentemente l'educatore doveva rendere il bambino adulto il prima possibile
  • Importanza della psicologia: la pedagogia ripensa i suoi limiti, legandosi alle scoperte della ricerca psicologica riguardo l'apprendimento e lo sviluppo
  • Insegnante come guida: l'insegnante è facilitatore nel processo di scoperta del fanciullo, non più colui che trasmette le conoscenze
  • Legame Interesse/Bisogni: l'educatore personalizza l'insegnamento a seconda degli interessi e dei bisogni del bambino
  • Legame Insegnamento/Vita: la scuola serve per la vita, non deve esserne separata
  • Intelligenza Operativa: l'apprendimento passa attraverso l'esperienza pratica, il bambino va stimolato ad utilizzare la propria intelligenza attraverso dei laboratori.
L'Attivismo pedagogico origina anche dalla ricerca psicologica, la quale riconosce nell'infanzia il periodo formante dell'uomo, che, se traumatico, può generare disturbi indelebili nella vita adulta.
Pertanto, l'infanzia deve svolgersi secondo le sue leggi e la sua misura, senza essere sopraffatta dalle imposizioni dell'adulto. Questa visione pedagogica si fonda su una grande fiducia sulle forze che sostengono dall'interno la crescita dell'uomo, crescita vista sempre in positivo.
Nella pedagogia non direttiva non è necessario che l'educatore diriga la crescita del bambino; al contrario, è necessario sostenere l'autoregolazione e la libera scelta nel percorso educativo del bambino creando contesti educativi e scolastici a sua misura:
  • l' ambiente deve consentire l'azione diretta
  • l'azione del bambino è considerata attività d'indagine e di apprendimento, il gioco stesso è indagine e scoperta della realtà condotta al pari di un piccolo scienziato, dalla formulazione di ipotesi fino alla loro verifica; pertanto, tutta l'attività del bambino va rispettata e aiutata
  • l'azione diretta sulla realtà è vista come bisogno evolutivo del bambino; La mano è l'organo dell'intelligenza (Maria Montessori), i bambini non sono obbligati a star fermi ma sono lasciati liberi di muoversi nell'ambiente, toccando, assaporando, annusando, trasformando le cose.
Da ciò deriva una nuova concezione di scuola: una scuola non convenzionale, eretta sugli interessi dei discenti, non impostata sul nozionismo e sull'ascolto passivo degli insegnanti. Nella scuola non direttiva il bambino è il protagonista attivo del processo educativo, le attività sono facoltative, i bambini autogestiscono la vita della scuola decidendo le regole della vita comune attraverso delle assemblee, in una relazione paritaria con gli insegnanti.
Il movimento Attivista ha avuto ampia diffusione fin dalle origini. In Francia Edmond Demolins creò l'Ecole Des Roches (1898). In Germania, importanti contributi furono portati da Gustav Wyneken e da Georg Kerschensteiner. In Italia l'esperienza delle scuole nuove si tradusse nella "scuola serena", ispirata alla continuità tra scuole e famiglia e fondata sul principio del bambino come "artista spontaneo"; autori importanti furono Maria Boschetti Alberti, Rosa Agazzi, Giuseppina Pizzigoni, Ernesto e Anna Maria Codignola. Maria Montessori scrisse altre importanti pagine della ricerca Attivistica, approdando tra il 1906 e il 1907 all'attività negli asili presso le case popolari romane e alla fondazione della prima "Casa dei Bambini".
Negli Stati Uniti autori importanti furono William H. Kilpatrick, Helen Parkhurst e Carleton W.Washburne. 
In Europa, una sintesi delle istanze Attivistiche espresse nelle scuole nuove si ebbe nel lavoro di Roger Cousinet e Celestin Freinet.

Risorse in rete

http://www.sapere.it/enciclopedia/attivismo.html
http://www.sloweducation.it/educare/pedagogia-attiva-e-pedagogia-non-direttiva
http://www.edurete.org/pd/sele_art.asp?ida=2147
http://www.dubladidattica.it/bien.html
null
null
2

Editrice La Scuola © Tutti i diritti riservati
IL SITO “La Scuola.it”
Titolare del Trattamento
Editrice La Scuola S.p.A. con sede in
Via Antonio Gramsci, 26
25121 Brescia (Italia)
Tel. +39 030 2993.1
Fax +39 030 2993.299

COOKIE POLICY
Come impieghiamo i Cookie
I cookie sono piccole stringhe di testo che il browser memorizza quando l’utente visita un determinato sito internet, incluso il nostro. I cookie sono generalmente utilizzati dai siti internet per migliorare l’esperienza di navigazione dell’utente, consentendo al sito web di riconoscerlo, sia per la durata della visita (utilizzando un cookie di “sessione” che sarà cancellato alla chiusura del browser) sia in caso di successive visite (utilizzando un cookie “permanente”).
Per sapere di più sui cookies, per favore visitate il sito web dedicato, che trovate di seguito riportato accanto al paese di origine:
Italia: Your Online Choices www.youronlinechoices.com/it/
Altri: All About Cookies www.allaboutcookies.org
Il provvedimento generale dell'Autorità Garante della privacy (GU n. 126 del 3 giugno 2014) ha definito due tipologie di cookie:
Cookie tecnici - Impiegati per permettere la trasmissione di una comunicazione, per condurre un servizio richiesto dall'utente o per effettuare ricerche statistiche sull'impiego del sito web.
Cookie di profilazione - Impiegati per registrare il comportamento di un utente e le preferenze manifestate al fine di inviargli messaggi pubblicitari in linea con i suoi interessi.
In riferimento al suddetto provvedimentoLaScuola.it utilizza le seguenti tipologie di Cookie:

Tecnici
Permettono il funzionamento di alcune parti del sito. Le loro finalità riguardano il mantenimento di una sessione attiva tra l’utente e il sito e la preferenza della lingua scelta dall’utente. Questi cookie vengono memorizzati all’interno del browser, è possibile cancellare o disabilitare la ricezione di questi cookie, compromettendo le funzionalità di alcuni servizi del sito web. Per l’utilizzo di questi cookie non è necessario ottenere il consenso da parte dell’utente.

Analytics
Google Analytics è uno strumento gratuito di analisi web di Google che consente di raccogliere informazioni relative alle pagine visitate, al tempo trascorso sul sito, al modo in cui il sito è stato raggiunto. Questi dati permettono di segnalare le tendenze dei siti web senza identificare i singoli visitatori. Per utilizzare questi cookies l’utente deve manifestare il proprio consenso, esprimendolo semplicemente proseguendo la navigazione del sito cliccando fuori dal banner che LaScuola.it presenta al primo accesso. Google Analytics utilizza i suoi cookies di proprietà. Puoi scoprire di più sulla privacy policy di Google visitando il sito: http://www.google.com/intl/it/policies/privacy/
E’ possibile annullare l’uso di Google Analytics in relazione all’utilizzo sul nostro sito scaricando e installando il Browser Plugin disponibile tramite questo link: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout?hl=it

Cookie di profilazione
Si tratta di cookies di terze parti che permettono di raccogliere le informazioni relative alle preferenze degli utenti mentre navigano in internet, registrare quando gli annunci vengono visti, la reazione degli utenti e le loro conseguenti azioni e controllare il rendimento delle campagne. Tale servizio, implementato su questo sito, impiega cookies di terze parti, di seguito elencati insieme alle rispettive privacy policy, nella quale vengono fornite ulteriori informazioni:
- DoubleClick, link: http://www.google.it/intl/it/policies/privacy/
- AddThis, link: http://www.addthis.com/privacy/privacy-policy/it/
- BlueKai, link: https://www.oracle.com/it/legal/privacy/marketing-cloud-data-cloud-privacy-policy.html
- Turn Inc. link: http://www.amobee.com/trust/consumer-opt-out
- Site Scout, link: http://www.sitescout.com/opting-out

Come impedire l'impiego dei cookie
In riferimento ai Cookie di terza parte utilizzati dal sito, si rimanda alla politica del fornitore raggiungibile dal link sopra indicato per le informazioni sulla loro disabilitazione.
Altro metodo per gestire i cookie è la modifica delle impostazioni del browser impiegato. La maggior parte dei browser internet, infatti, è configurata di default per accettare i cookie. È possibile tuttavia disabilitare il loro impiego o controllare quali di essi possano essere utilizzati o meno. Di seguito vengono riportati i link alle descrizioni sul come gestire i cookie sui più comuni web browser:
Chrome: https://support.google.com/accounts/answer/61416?hl=it
Internet Explorer: https://support.microsoft.com/it-it/help/17442/windows-internet-explorer-delete-manage-cookies
Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
Safari: https://support.apple.com/it-it/HT201265
Opera: http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html
Ricordiamo che disabilitare i cookie di navigazione o i cookie funzionali, può limitare il servizio da noi offerto o i contenuti del sito stesso.

Modifiche a questa policy
Editrice La Scuola si riserva la facoltà di modificare questa informativa secondo quanto si renderà necessario. Vi invitiamo a controllare questa pagina periodicamente nel caso vogliate tenere sotto controllo i cambiamenti.